15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://www.navelmagazine.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt
Tag / mood

“Non volevo fare la giornalista”: Riflessioni in retromarcia la gusto di utopia.

Capita che certe mattine il risveglio ci riservi impreviste considerazioni. Rese dei conti tout court, suggestionate da sottocutanee prese di coscienza che si alimentano giorno dopo giorno, in incognita. Stamattina, per esempio, riflettevo su un fatto… Dalla crisi di governo scorsa mi sono appassionata di politica e non è raro che mi soffermi ad ascoltare...Continua a leggere
Condividi:
Categoria:Basilico, Life, Woman

Ti ricordi la DAD?: Cosa si racconteranno gli adolescenti di oggi alle rimpatriate del liceo.

Stavo pensando che forse io un’adolescenza senza la scuola non la saprei immaginare. Almeno la mia farei fatica a ricordarla perchè, pur non essendo mai stata un’allieva eccellente, tutto ciò che mi ha segnata lo ricolloco da quelle parti. Sia le illusioni che i disastri hanno orbitato attorno al liceo, come ad un nucleo raggiante...Continua a leggere
Condividi:
Categoria:Basilico, Life

Empatia al gratin: La sensibilità di Delia Casalone, introversa socievole ai fornelli.

Delia Casalone è un’aspirante chef che incarna nell’animo lo stile placido della sua Torino, tanto discreta quanto elegante. Il suo entusiasmo per la cucina nasce dalla curiosità di conoscere quel che ci attraversa e di maneggiarlo come un bene prezioso, da offrire in dono a papille trepidanti di accogliere un incontro: quello nostro con ciò...Continua a leggere
Condividi:

L’estetica del flow: I virtuosisimi di Will Bloom, dalla black music al conscious rap.

Ogni skater, in fondo, è un elegantone in borghese. E la musica…la musica spesso è una corsia preferenziale per l’espressione, che fa scivolare i pensieri rapidi come rotelle sull’asfalto. Ivano, nome d’arte Will Bloom, è un rapper di Ladispoli che definire sinteticamente “rapper” suona quasi stonato. Scrivere, per lui, non rappresenta una mitragliatrice arrabbiata di...Continua a leggere
Condividi:
Categoria:Creativity, Curry, Life

Dandy di velluto: Lo stile di Alessandro Amico, dalla fotografia di moda verso il reportage.

Alessandro Amico comunica per immagini. Figlio di un papà prestigiatore e di una mamma sputafuoco, cresce nell’atmosfera fantasmagorica della creatività. Il suo entusiasmo per l’arte e la dedizione con cui coltiva il proprio estro sono impulsi a cui si abbandona con totale spontaneità, non rinunciando mai neanche per un attimo a salvaguardare quella natura stravagante...Continua a leggere
Condividi:

Polaroid di cotone: La voce soffice di Svegliaginevra e la rinascita del cantautorato femminile.

In una bolla di sapone soffiata nell’aria da un sospiro sognante gravita la voce di Svegliaginevra, come un ritornello tra le nuvole. Il suo tono ovattato e distante trasmette il tepore di una felpa sulle spalle, quando il clima mite si concede una folata di vento e lascia trapelare sulla pelle qualche brivido, ma solo...Continua a leggere
Condividi:

Dalla crisalide alla ballroom: La metamorfosi di Lucy Cantiello, nello sfavillante revival delle icone anni 80.

Chi ripensa agli anni 80, di solito, ne ricorda con leggero imbarazzo il trend degli scaldamuscoli sui fuseaux fluo e l’ossessione per la permanente. In realtà, però, quella decade così controversa ha seminato lungo il suo corso il seme di una spregiudicatezza sino a quel momento impensabile, capace di dare una scossa all’encefalogramma impigrito della...Continua a leggere
Condividi:

Hum-ana Logica. Le fotografie di Cecilia Minutillo e lo storytelling di un’autenticità in chiaroscuro.

Cecilia Minutillo avvicina la macchina fotografica ai suoi occhi ed è come se dall’altra parte della lente i punti di vista si moltiplicassero e riconoscessero a vicenda. Un modo speciale di spiare dal buco della serratura in uno specchio attraversato da continui passanti che ne arricchiscono il riflesso . La passione per le diapositive le...Continua a leggere
Condividi:

Polly Pocket Punk. Lo sportwear borchiato di Ilaria Dessì, verso il sogno della customizzazione.

Ilaria Dessì è una giovanissima aspirante designer, diplomatasi lo scorso anno all’Istituto Europeo di Design di Roma. Vive a Fiumicino, a pochi km dal mare, e quando ha voglia di riconoscersi allo specchio si tinge i capelli di un nuovo colore, per sintonizzare l’aspetto a uno stato d’animo in continuo cambiamento. L’arancione è il colore...Continua a leggere
Condividi:

Petals of Pleasure: Il déshabillé super-accessoriato di Maneesha Gallage, tra narcisismo e rivoluzione.

Maneesha Gallage è un fashion designer senza veli, che posa coperta perlopiù da un caos sovrabbondante di gioielli e dallo sfarzo di una personalità che brilla di luce propria. Nata in Sri Lanka e trasferitasi a Oslo per frequentare il corso di Fashion Design, decide di mettere in scena il suo corpo come fosse la...Continua a leggere
Condividi: