15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://www.navelmagazine.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt
Categoria / Decoration

Empatia al gratin: La sensibilità di Delia Casalone, introversa socievole ai fornelli.

Delia Casalone è un’aspirante chef che incarna nell’animo lo stile placido della sua Torino, tanto discreta quanto elegante. Il suo entusiasmo per la cucina nasce dalla curiosità di conoscere quel che ci attraversa e di maneggiarlo come un bene prezioso, da offrire in dono a papille trepidanti di accogliere un incontro: quello nostro con ciò...Continua a leggere
Condividi:

Dandy di velluto: Lo stile di Alessandro Amico, dalla fotografia di moda verso il reportage.

Alessandro Amico comunica per immagini. Figlio di un papà prestigiatore e di una mamma sputafuoco, cresce nell’atmosfera fantasmagorica della creatività. Il suo entusiasmo per l’arte e la dedizione con cui coltiva il proprio estro sono impulsi a cui si abbandona con totale spontaneità, non rinunciando mai neanche per un attimo a salvaguardare quella natura stravagante...Continua a leggere
Condividi:

Unghie della Madonna: Isabella Franchi, la Mikako Kōda della Nail Art e il talento di chi sa prevedere il successo.

Isabella Franchi ha solo due mani ma talmente abili da collezionare un repertorio di almeno altre mille dita, tutte decorate con un lavoro di nail art dall’impatto stratosferico. Cresciuta a Imola, tra la passione per i manga e quella per i tatuaggi, si laurea in Costume e Moda, pronta a spiccare il volo verso nuove...Continua a leggere
Condividi:

Polly Pocket Punk. Lo sportwear borchiato di Ilaria Dessì, verso il sogno della customizzazione.

Ilaria Dessì è una giovanissima aspirante designer, diplomatasi lo scorso anno all’Istituto Europeo di Design di Roma. Vive a Fiumicino, a pochi km dal mare, e quando ha voglia di riconoscersi allo specchio si tinge i capelli di un nuovo colore, per sintonizzare l’aspetto a uno stato d’animo in continuo cambiamento. L’arancione è il colore...Continua a leggere
Condividi:

Anatomia del Sogno. Le distorsioni di Henriette Ebbesen, quando la natura diventa stridente utopia.

Quale meta evanescente più del sogno può ricordarci che la carne ci dà consistenza ma è l’immaginazione a renderci fluidi? Esseri dalla percezione cangiante. Liquidi come raggi di luce vibranti sul mare. Duttili come il rame quando trasporta l’elettricità. Metafisici com’è chiudere gli occhi e catapultarsi nel nostro subconscio alla stessa potenza di un viaggio...Continua a leggere
Condividi:

Petals of Pleasure: Il déshabillé super-accessoriato di Maneesha Gallage, tra narcisismo e rivoluzione.

Maneesha Gallage è un fashion designer senza veli, che posa coperta perlopiù da un caos sovrabbondante di gioielli e dallo sfarzo di una personalità che brilla di luce propria. Nata in Sri Lanka e trasferitasi a Oslo per frequentare il corso di Fashion Design, decide di mettere in scena il suo corpo come fosse la...Continua a leggere
Condividi:

Matitafore: Lo zoo levitante di Belen Gonzales, appeso al filo della semplicità.

Belen Gonzales è nata a Leon, una piccola città della Spagna che – manco a farlo apposta – porta il nome di un animale. La sua fantasia, infatti, sin dall’infanzia, è popolata da un universo fiabesco in i cui soggetti narranti sono bestiole aggraziate seppur stravaganti. La passione per gli albi illustrati e l’incredibile sensibilità...Continua a leggere
Condividi:

Rosso su Bianco. Il fil rouge dell’autenticità nei ricami di Valentina Dentello.

Con le mani perpendicolari alla profondità del suolo, Valentina ama sedersi a terra e ascoltare la meravigliosa orchestra che è l’autenticità delle cose semplici. In pace con l’ambiente che la circonda e forte della creatività che adorna la sua anima sensibile, lo stupore è per lei come un sesto senso che dilata ogni percezione di...Continua a leggere
Condividi:

L’oracolo di Hualice. Le maschere tessili di Alisa Gorshenina, musa istrionica nel cuore del villaggio.

C’era una volta, in un piccolo villaggio russo chiamato Yakshina, una ninfa bucolica dal volto cangiante. Il suo viso era costantemente adornato da orpelli appariscenti ma ogni maschera, anzichè nascondere la sua identità, ne rivelava teatralmente il tumulto. Il fermento eclettico, ispirato dalla tradizione e dal subconscio, che ne tramuta l’esistenza in un’apparizione conturbante. Alisa...Continua a leggere
Condividi:

Mitologia Minimale: L’estetica dell’inconsueto nei collage surrealisti di Matei Octav

Matei Octav nasce in Romania e cresce tra le colline umbre, ma è alla Civica Luchino Visconti di Milano che prende forma come artista digitale. Nel suo percorso creativo si succedono fasi differenti, in cui per comunicare il suo estro sceglie mezzi d’espressione occasionali ma che alimentano in lui la ricerca costante di un proprio...Continua a leggere
Condividi: